Ultime da Vision Service

    Lo yoga per gli occhi: esercizi per la vista affaticata

    Come riposare gli occhi affaticati da troppo lavoro?

    Gli occhi sono organi molto sofisticati; negli occhi ci sono lenti, muscoli, recettori che ci consentono di vedere tutto quello che ci circonda. Proprio perché vedono tutto, in questo nostro mondo di televisori, telefonini, tablet e computer, lo stress li disturba molto. Inquinamento, schermi e display affaticano gli occhi, causando anche molti disagi: errori (miopia, presbiopia, astigmatismo), malattie (glaucoma, allergie).

    Lo yoga come “terapia oculare” – con tecniche specifiche e con il rilassamento profondo che riduce lo stress – può rappresentare un aiuto. Il palming e trataka sono due tecniche che rilassano gli occhi, mentre le pratiche di messa a fuoco li allenano, migliorandone la capacità di messa a fuoco.

    Per continuare l'approfondimento clicca qui

     

    (Fonte: http://www.leviedeldharma.it)

    Occhiali da vista: 5 errori da non fare quando scegli la montatura

    Gli occhiali da vista non sono facili da selezionare per questo è bene scoprire quali sono gli errori più comuni che si commettono quando scegli la montatura. Come sai, ce ne sono di diverse, realizzate non solo con forme differenti, dalle rettangolari alle tonde, dalle cat-eye a goccia, ma anche con materiali e in colori variegati. Come scegliere gli occhiali da vista giusti? Più che consigli per farlo, vogliamo sottoporti una serie di sbagli soliti e classici, così da poter imparare da questi e non commetterli più.

     

    Per continuare a leggere l'articolo clicca qui

     

    (Fonte: http://eyewear.stylosophy.it)

    Luce solare e salute degli occhi: come proteggersi al meglio - Le regole da seguire

    Con l’arrivo dell’estate la salute degli occhi è un tema da non trascurare: maggiore esposizione ai raggi solari e all’aria aperta, luminosità più intensa. Eppure l’abitudine agli occhiali da sole non è così radicata: solo il 15% degli italiani li utilizza regolarmente. Il 60% dei bambini non indossa lenti scure e tra gli anziani questa percentuale cresce ancora. 
    «E’ fondamentale utilizzare gli occhiali da sole soprattutto quando l’irradiazione è più intensa e si trascorre più tempo all’aria aperta, con una maggiore esposizione a luce, raggi UV, vento, sabbia, acqua salata o ricca di cloro, polline e polveri sottili», spiega il dott. Francesco Loperfido, consulente della Commissione Difesa Vista, Responsabile del Servizio di Oftalmologia Generale dell’Ospedale San Raffaele di Milano. 
    Di seguito alcuni consigli per un acquisto ragionato e un’adeguata protezione dei nostri occhi.

    1) Acquistare gli occhiali presso centri ottici che potranno suggerirvi la scelta corretta anche in base alla vostre esigenze, consigliandovi le lenti più adeguate. Non affidarsi ad ambulanti o negozi non specializzati 
    2) Scegliere l’occhiale da sole in base all’utilizzo che se ne deve fare (se lo si deve indossare tutti i giorni, per praticare attività sportiva oppure per guidare), ai luoghi dove intendiamo recarci in vacanza o per un viaggio, all’attività sportiva che si pratica (sci, vela, ciclismo, golf, guida) 
    3) ridurre al minimo l’esposizione al sole dalle 10 del mattino alle 4 del pomeriggio e avere sempre un “occhio di riguardo” per bambini e anziani.

     

    Per approfondire clicca qui

     

    (Fonte: http://www.corriere.it)

    Occhi: 10 messaggi importanti dalle nostre pupille

    Gli occhi ma sopratutto le nostre pupille,non solo ci aiutano a vedere,guardare, ma segnalano anche che cosa sta succedendo nella nostra mente.

    Ho voluto elencare 10 ricerche psicologiche che mostrano come i cambiamenti nelle dimensioni delle pupille dei nostri occhi, rivelano molti aspetti del pensiero.

    1. Guardami negli occhi, il mio pensiero è in affanno

    Se mi guardi negli occhi e mi chiedi chi era il fondatore della psicanalisi che fumava 20 sigari al giorno,le dimensioni delle mie pupille non cambiano perché con facilità ti rispondo Sigmund Freud!

    Ma se mi chiedi di spiegarti le regole di uno sport come il rugby, le mie pupille si dilatano.

    La ricerca infatti, ha dimostrato che più il cervello lavora duramente e s’impegna, più le pupille si dilatano. Quando Hess e Polt (1964) diedero ai partecipanti dell’esperimento, compiti via via più difficili da completare, notarono che le pupille di questi si dilatavano e diventavano sempre più grandi.

    2. Il mio cervello è sovraccarico, i miei occhi non mentono

    Se guardi da vicino i miei occhi mentre mi chiedi i risultati di moltiplicazioni “impossibili” come 1345 x 2022 e insisti a volere la risposta, le mie pupille reagiranno in modo strano:

    La ricerca di Poock (1973) dimostra che quando le menti delle persone vengono sovraccaricate fino al 125% delle loro la capacità, le pupille smettono di dilatarsi e si contraggono immediatamente! Game Over!

    3. Ho il cervello danneggiato i miei occhi non rispondono

    Quando i medici o gli infermieri fanno lampeggiare una luce negli occhi dei pazienti è per verificare se i loro cervelli stanno funzionando correttamente. Le pupille di un cervello sano, dovrebbero essere uguali, rotonde e reattive alla luce. In inglese questa semplice verifica delle pupille si chiama PERRL (Pupils Equal, Round, Reactive to Ligh).

    Se il mio cervello ha subito un trauma, perché ho dato una forte capocciata, probabilmente il PERRL non si vede. Inoltre un bernoccolo o del sangue che cola dalla mia testa sarà un indizio in più per capire che c’è qualcosa che non va!

    Per continuare la lettura clicca qui

     

    (Fonte: http://www.psicosocial.it)